Super User

Super User

Super User

Italia

ALCHIMIA Contemporary Jewellery School in Firenze

Alchimia is one of the most prestigious jewellery schools in Europe, offering Two-Year Bachelors and Master programs, annual and short courses.

 

 

 

 

 

 

 

Open call for applications 2021
Weekend courses SS 2021
Electroforming May 2021
Water & Sand casting June 2021
Metallic weaving June 2021
Pigmenti by Lucia Massei
Nunome zogan July 2021
WHITE % GOLD July 2021
Entrata principale della scuola, Piazza Piattellina (Fi)
Stuio del Master, Via S. giovanni (Fi)
Laboratorio, Piazza Piattellina (Fi)
Laboratorio, Piazza Piattellina (Fi)

 

 

Friday, 06 March 2020 10:12

Elena Alfonsi

Italia

Laureata alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Padova in Storia della Critica d'Arte con l’esìmio Prof. Franco Bernabei, Direttore del Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica e Coordinatore del Corso di Laurea in Storia e Beni Culturali. Scrive dal 1992 come Critica d'Arte. Diplomata in Tanatologia Culturale al Master diretto dalla Prof.ssa Ines Testoni - Death Studies & the End of Life - Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia, Psicologia Applicata) dell’Università degli Studi di Padova, diffonde la Death Education attraverso la Cultura.

Dal 1992 al 1997 a Milano è Consulente Scientifica per le acquisizioni della Collezione Privata appartenuta al Dott. Giorgio Cappricci. Dal 1992 al 1999 è a Venezia come Consulente Scientifica del Segretario Generale del Tribunale Amministrativo Regionale Osvaldo Carlucci. Dal 2017 organizza a Mantova, nella prestigiosa sede della Casa del Mantegna, una Rassegna di Cultura intitolata Alla fine dei conti. Riflessioni sulla vita e sulla morte. Dal 2018 è Presidente dell’Associazione Culturale Areté.

Si occupa di arte e cultura attraverso la pittura, la scultura, la fotografia, la letteratura, la poesia. E’ ideatrice di progetti didattico-culturali, di progetti di responsabilità etica a sostegno della cultura, di laboratori didattico formativi per un corretto approccio all’arte. Dal 2018 promuove il Progetto “La morte nell’Arte. La cultura veicolo di sviluppo”. Dall’A.A. 2019/2020 è Docente Esterna di Storia dell'Arte e Storia della Critica d'Arte alla Accademia Internazionale dell'Intaglio a Bulino e Belle Arti di Bruno Cerboni Bajardi a Urbino.Dal 2021 collabora con il Festival Scientifico dell’Associazione Settimana del Pianeta Terra. Dal 2012 il principale appuntamento delle Geoscienze in Italia.Dal 2022 come Socia AGC sarà tra gli organizzatori di un'esposizione itinerante, la prima in Italia, dedicata al Gioiello Devozionale Contemporaneo in collaborazione con AGC Associazione Gioiello Contemporaneo, che inizierà da Padova nell'Oratorio di San Rocco per poi proseguire in altre sedi.

 

 

Wednesday, 29 January 2020 10:23

Maura Biamonti

Italia / Francia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Wednesday, 27 November 2019 10:29

Stefano Fronza

Italia

Da piccolo ero affascinato dall’atmosfera del laboratorio, dalle attrezzature orafe, dai gioielli che mio padre creava nella sua bottega. Dopo aver conseguito la Maturità in Arte Applicata - sezione Oreficeria - presso l’Istituto d’Arte di Trento, per me l’oreficeria è diventata principalmente un lavoro, a cui ho accompagnato studi e letture che m’hanno aperto ad un nuovo mondo: l’oreficeria d’arte. Con fortuna e, talvolta, con il sostegno ricevuto nel mentre nutrivo i miei interessi, a ventidue anni ho intrapreso gli studi accademici, prima a Düsseldorf, poi a Salisburgo ed infine in Olanda. Tutto ciò mi ha consentito di entrare in contatto con figure di grande rilievo nel mondo del gioiello contemporaneo italiano e internazionale, scoprire nuovi materiali e nuove metodologie di approccio nella produzione di un manufatto o di una serie di oggetti. Per me il gioiello era e, tutt’oggi, rimane l’occasione per trovare un momento da dedicare a me stesso, un momento per coltivare fantasia ed ingegno. L’arte di realizzare gioielli è l’interagire di improvvisazione, maestria e della perseveranza necessaria a non perdere il filo di un processo creativo che mi accompagna anche quando non sono al banco di lavoro. Mi tengo aggiornato in tema di gioielli così come su altri temi, continuo il mio percorso con sincera dedizione e, nel mentre, accumulo esperienza grazie ad un costante lavoro ispirato ad un preciso concetto di fondo.

As a child I was charmed by the atmosphere of the workshop, the goldsmith's equipment, the jewels that my father created in his artisan shop. After I graduated in applied arts - specializing in goldsmithing at the High School of Arts of Trento - for me goldsmithing became mainly a job, that I’ve accompanied with studies and readings that opened up a new world for me: the goldsmith’s art. Thanks to luck and to the support that I sometimes happened to receive while nurturing my interests, aged twenty-two I undertook the academic studies, at first in Düsseldorf, then in Salzburg and eventually in Holland. All that made it possible for me to get in touch with outstanding personalities in the world of Italian and international contemporary jewellery, discover new materials and new methods to approach the manufacturing of a handwork or of a set of objects. To me jewellery was and, nowadays, still remains the opportunity to find a moment devoted to myself, a moment to cultivate my imagination and ingenuity. The art of making jewelry is an interaction between improvisation, skills and the perseverance that is necessary not to lose the thread of a creative process that accompanies me even when I am away from the working bench. I keep up-to-date on issues regarding jewels as well as on other issues, proceed on my path with genuine dedication and, in the meantime, I build up experience by means of a constant work inspired by a precise background concept.

 

 


vision
spilla - foto dell'artista impressa su Dibond, alluminio, titanio e acciaio | 2021
la rinascita
spilla - foto dell'artista impressa su alluminio, Pvc, titanio e acciaio | 2017
l’onda
spilla - foto dell'artista impressa su alluminio, Pvc, alluminio, titanio e acciaio | 2018
orizzonti
orecchino singolo - foto dell’artista impressa con stampa Lambda su alluminio, Pvc, alluminio e argento 925 | 2017
segnali
spilla - foto dell'artista impressa su alluminio, Pvc, titanio e acciaio | 2016
linea d'ombra
orecchino singolo - foto dell’artista impressa con stampa Lambda su alluminio, Pvc, alluminio e argento 925 | 2017
tracce
spilla - foto dell'artista impressa su alluminio, Pvc, titanio, acciaio, resina epossidica e foglia d'oro puro | 2016
luce
spilla - foto dell'artista impressa con stampa Lambda su alluminio, Pvc, titanio, foglia d'oro puro e acciaio | 2016
terrestre
spilla - foto dell'artista impressa su alluminio, titanio, foglia d'oro puro, acciaio | 2016
la riproduzione
spilla - foto dell'artista impressa con stampa Lambda su alluminio, Pvc, titanio e acciaio | 2016
la figura femminile
spilla - foto dell'artista impressa con stampa Lambda su alluminio, Pvc, titanio e acciaio | 2016

Pubblicazioni / Publications

 

 

Monday, 25 November 2019 14:51

Walking Treasures

 

Un evento annuale dedicato al gioiello d'artista, per avvicinare il pubblico al mondo del gioiello contemporaneo, attraverso la presentazione del lavoro di artisti internazionali che utilizzano vari materiali e tecniche, mettendo in luce il loro percorso di ricerca e sperimentazione.

 

 

 

 

 

 

Wednesday, 23 October 2019 10:04

Connessioni | Connections

Le Associazioni per il gioiello contemporaneo ACJ (Regno Unito) e AGC (Italia) collaborano per una mostra che seguirà un itinerario nei due paesi a partire da Novembre 2019 e nel corso del 2020/21. Il progetto si intitola Connessioni | Connections e verrà esposto in diverse sedi per ciascun paese.
UK: a Londra al Goldsmith Centre Scotland e Lighthouse a Glasgow
Italia: a Livorno al Museo del Mediterraneo ed a Padova all’ Oratorio di S. Rocco
Questa notevole opportunità è frutto della collaborazione paritetica delle due organizzazioni.
Il tema: Connessioni / Connections propone la realizzazione di un gioiello che possa rappresentare: relazione, contatto, reciprocità, network.
La Selezione dei 25 soci AGC è avvenuta attraverso un panel di persone autorevoli nel campo, referenti di ACJ.
Mirella Cisotto Nalon, già Capo Settore Attività Culturali del Comune di Padova, ha selezionato le opere dei soci ACJ, utilizzando gli stessi criteri e condizioni per assicurare la stessa qualità dei progetti e delle realizzazioni.
Gli autori hanno realizzato le loro opere con i materiali rappresentativi il proprio lavoro: dai metalli nobili, alla stampa su seta, all’organza e la porcellana, al ferro ed alle resine, alle tecniche proprie dell’oreficeria, all’uso del niello e del mokume gane, i colori dei pigmenti e gli acrilici, papier-maché e polystirene.
Si è realizzato il catalogo che illustra tutte le opere, i testi di presentazione e le sedi d’esposizione.
L’inaugurazione della mostra si svolgerà a Londra, nella sede del Goldsmith’s Center il giorno 11 novembre 2019; seguirà il prossimo 2020 il 19 febbraio alla Lighthouse di Glasgow, il 6 giugno al Museo della Scienza del Mediterraneo di Livorno ed in ottobre a San Rocco di Padova.

https://www.acj.org.uk/index.php/2-uncategorised/498-connections-connessioni

Monday, 14 October 2019 08:09

Gaspare Gaeta

Italia

Nato nel 1973 Gaspare scopre la sua vocazione artistica sin da giovane. Frequenta l'istituto d'arte della sua città, Lanciano, e studia percussioni al conservatorio di musica a Pescara. Nel 1991 inizia il percorso formativo come orafo apprendendo l'arte della creazione del gioiello con il maestro Romeo di Cesare a Pescara. A Valenza segue corsi di design e da modellista con il prof. Giuseppe Turrisi, e si specializza nella tecnica di lavorazione a cera persa. Apre il proprio laboratorio nel 2000 collaborando con varie gioiellerie in Italia e all'estero. Con i suoi lavori partecipa a diverse mostre internazionali (tra cui MACEF, Orocapital, Gioielli in Fermento, Zeughausmesse), ed espone le sue creazioni in Italia, Belgio, Svizzera e Germania. Nel 2012 si trasferisce a Berlino. Curioso del potenziale della gioielleria contemporanea come forma di comunicazione, ha sposato questo concetto. Gaspare è membro dell’agc – associazione gioiello contemporaneo.

Born in 1973, Gaspare developed his passion for arts and music in his early years. After attending the arts high school in his hometown of Lanciano, he enrolled at the music conservatory of Pescara to study percussions. In 1991 he began his apprenticeship as a goldsmith. He learned the art of jewellery making with master Romeo Di Cesare in Pescara and attended design workshops and wax modeling classes with prof. Giuseppe Turrisi in Valenza. In 2000 he opened his own workshop and extended his collaboration with jewellers in Italy and abroad. His works have been showcased at various international and private exhibitions in Italy, Belgium, Switzerland and Germany (such as MACEF, Orocapital, Jewels in Ferment, Zeughausmesse). In 2012 he moved to Berlin. Curious about the artistic potential of contemporary jewellery as a means of communication, he has embraced this concept in recent years. He is a member of agc – contemporary jewellery association.

 

 

 

 

Anello - argento, legno dalbergia / Ring - silver, blackwood
Anello - argento, legno dalbergia / Ring - silver, blackwood
Anello - argento, luffa / Ring - silver, luffa
Anello - argento, luffa / Ring - silver, luffa
Orecchini - argento, luffa / Earrings -silver, luffa
Bracciale - argento, legno dalbergia / Bracelet - silver, blackwood
Anello - argento, semi, piume, legno dalbergia / Ring - silver, seeds, feathers, blackwood
Anello - argento, semi, piume, legno dalbergia / Ring - silver, seeds, feathers, blackwood

 

 

 

 

 

 

 

Wednesday, 02 October 2019 09:50

PREMIO INCINQUE JEWELS

 

PREMIO INCINQUE JEWELS - IL GIOIELLO SI RACCONTA

Mostra collettiva del "Premio Incinque Jewels - Il gioiello si racconta" che intende promuovere la cultura del Gioiello Contemporaneo sul territorio di Roma

Curato da Monica Cecchini e da Emanuele Leonardi

Esposizione 10-13 ottobre 2019, Roma

promosso dall’Associazione Culturale Incinque Open Art Monti,

presso la Galleria Incinque Open Art Monti, Roma

Il “Premio Incinque” vuole favorire una riflessione sul tema della “COMUNICAZIONE” in senso ampio e includente, creare un dialogo tra colui che realizza l’opera e chi la osserva. Vuole indagare sulla funzione del Gioiello come oggetto simbolico, non solo dalla valenza artistica, ma come portatore di un messaggio dal valore sociale, che trasmetta una storia sottolineandone le origini e la volontà di trasmetterle con nuove interpretazioni.Così da unire mondi trasversali e culture differenti.

Ha chiesto ai partecipanti di pensare e progettare un Gioiello che valorizzi le antiche arti ed al tempo stesso crei un legame con l’Arte Contemporanea, ne è così nata l'esposizione, che è una collettiva di 30 artisti, selezionati da una giuria di esperti del settore.

Inaugurazione aperta a tutti giovedì 10 ottobre 2019 alle ore 18.30

Chiusura 13 ottobre 2019 ore 21

L’evento è all’interno della storica manifestazione Ottobrata Monticiana.

Media Partner: Nouvelle Factory
Sponsor: Vinus - Vignaioli tuscolani

Galleria Incinque Open Art Monti Via della Madonna dei Monti, 69 - 00184 Roma
telefono: 39 349 2618428 mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

sito web: www.incinqueopenartmonti.com
UFFICIO STAMPA: Francesca Telleschi telefono: 39 3391449042 mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

 

 

 

 

 

Wednesday, 04 September 2019 13:09

Lieta Marziali

UK

My work spans jewellery to writing, researching and curating, and mentoring and teaching. Importantly, they are for me just different manifestations of making, equally central to my personal and spiritual growth and the process of making me in an art practice that is, in the same way Italian writer Italo Calvino referred to literature, " an existential function, ... a search for knowledge"*. This "wisodm as practice"**, as defined by the contemporary German philosopher Peter Sloterdijk, is then by default slow and mindful, not only of the provenance, destination and context of each project, but also of my natural cycles of thinking, making and, most crucially, reflection. My practice is both a platform and a method for reflection and philosophical enquiry: a personal space in which to ask myself questions, test answers and reactions, and understand how I think and why. It is how I raise my awareness of myself and of how I navigate in the cosmos. In the Socratic spirit that knowledge is virtue, I am driven by the desire to always become a better person. Deeply rooted in mindfulness, my practice is where I learn to exist as an integral, rather than dominant, part of all that surrounds me, resulting in a radical ethical approach. The need to investigate, uncover, say, comment or express creates the narrative that fills most of my work. This story-telling takes the form of jewellery pieces which are, at the same time, a means to and an expression of my questioning, reflection and growth, and an invitation to the viewers and wearers to also question, reflect and grow by, quite literally, embracing them close to their bodies.

A new piece will first manifest itself sometimes from simply holding a found object, sometimes from a recurring word or phrase (often already a title!) echoing in my head, or more often from a situation, a moment of clarity, or the need to understand something or to share a line of personal enquiry. Materials, with no hierarchy of value, are included simply according to how they fit this process. Any hesitation as to their choice is a vital clue to me that my question or answer is not sufficiently clear and a piece is not ready to be made, and I cannot and must not force it into material existence. When the moment is right, assembling is normally fast and instinctive, and my design process is dictated by an innate make-do attitude: as with everything else in life, I thrive on applying my knowledge to constructive problem solving and finding low-tech workable solutions from available resources and basic staples.

Most of my jewellery work then comes to be embodied in a one-off piece or small ensemble. Very rarely, I have happened upon questions that have worked at an even slower pace but the need to externalise them has been stronger, in the path of understanding them, than the importance to find clear answers. And this is where my occasional series are born, never knowingly finite but projects that need to remain open to reflection and enquiry, to be re-examined and re-explored until that time when they might feel resolved.

Words and language are for me another material which accompanies me through the making process, and their manipulation is just as essential a factor in determining how the work will finally manifest itself. As a result, titles are never just a necessity or an afterthought and instead, whether at the origin of its concept, or as a final reflection, they form an integral part of each piece.

Most important of all, I have learnt that the "studio" for me is far from being confined to the walls of my physical workshop and it extends to wherever I happen to be at any particular moment, processing information, asking new questions, reflecting. Over the years, I have learnt to listen to the rhythms of my thinking and to let them guide me: be it the workshop, the keyboard, the pen, the classroom, a book or a museum, my workstation stays fluid. And whereas I used to be daunted by not making enough, I have come to understand that "making" does not necessarily equate to a new jewellery piece. And so I now confidently reach for the bench only when it calls. And, when it is time, it always does.

 

 

 

Are We There Yet: On Recurrence, Recollection and the Resilience of Material Existence (Necklace, 2018)
Hardcore rubble from local and international dirt tracks, new and reclaimed copper, vintage bead necklace, recycled silver
Blue Rinse with a Chance of Mischief: On the Sweet Perils of Growing Older (Necklace-Brooch, 2018)
Jar lid, rusted drinking can top, plastic sweet wrappers, reclaimed faux pearl, vintage bead necklace, vintage button, copper foil, iron, recycled silver, stainless steel
Does My Brooch Look Bob In This? (Brooch, 2018)
Copper, steel, chocolate foil, reused pearls, nail varnish, recycled silver
Girotondo (Ring, 2012) / Tutti Giù Per Terra (Ring, 2015)
Jar lid, vintage tin, silver charm, copper sheet and adhesive, paper, glue, fabric, steel wire / Jar lid, old kettle whistle, silver charm, vintage tin, copper, stainless steel wire, glue, plastic bead
Noli Me Tangere (Brooch, 2019)
Golden cardboard, pebble, 18k gold wire, oxidised copper, paint, 18k gold pin wire
Norfolk Fields: On the Alchemy of Before, Between and Beyond (Brooch, 2018)
Sheep's wool, shotgun cartridge case, wood, rusty wire, 18ct gold, iron wire, stainless steel
Phoney (Necklace, 2018)
Fake pearls, fake phone, fake shoe, fake gold beads, fake gold chain, recycled silver
Predator (Brooch, 2019)
Found plastic objects and toy cowboy, copper, recycled silver, stainless steel, tie pins
Round The Bend (Brooch, 2013)
Zinc-cast toy car, aerosol can top, jar lid, copper, base metal stud earring, brass, stainless steel
Veda (Necklace, 2019)
Sheep bone, ceramic fragment, reclaimed lapislazuli bead, reclaimed copper wire
Tuesday, 23 July 2019 10:23

Lucilla Giovanninetti

Italia

Il mio interesse per il gioiello risale all’università, quando inizio a studiarlo dal punto di vista storico e iconografico. In seguito approfondisco le mie conoscenze sul piano stilistico e formale. Negli anni insegno storia del gioiello in alcune scuole di design, ma mi piace anche seguirne la progettazione da parte degli studenti. E poi apprendo come lavorare con i metalli, con la cera, con gli smalti. Da qualche anno la mia ricerca si è orientata verso un possibile connubio fra metallo e tessuto, ma ultimamente il tessuto è diventato protagonista, indurito con resine, per ottenere volumi importanti, organici, ma leggerissimi.

Mi interessa la progettualità, partendo dalla forma piana ritagliata nel tessuto, che viene dipinto, elaborato, cucito, indurito con resine. Mi affascina lo stupore davanti alla materia, la sua leggerezza, l’elaborazione cromatica, a volte la non-piacevolezza estetica.

 

My interest in jewelry goes back to my years at the university when I began to study it from a historical and iconographic point of view. As a I deepened my knowledge both on a stylistic and formal level. Over the years I have taught history of jewelry in several design schools but I have also enjoyed following the design of the students. I have learned how to work with materials such as metals, wax and glaze.

For several years now my research has been oriented towards a possible bond between metal and fabric, but lately the fabric has become the key player, hardened by resin, to obtain large volumes which are consistent but very light.

My interest lies with the design process, starting from the flat shape cut from the fabric that then gets painted, elaborated upon, sewn and hardened with resin. I am truly fascinated by the wonder behind the material; its lightness, its chromatic processing, and at times its unpleasant aesthetics.

 

 

Arriccia
Calla
Caos
Cespuglio
Equilibrio
Flutti
Numero 5
Petali
Punte
Souvenir
Page 2 of 24