Redazione

Redazione

Redazione

From Monday, April 20, Munich's Biró Gallery has been allowed to reopen its exhibition space.

We believe the Corona crisis provides us all with great challenges that inspire our creativity - art can help us on many levels to think new things and so we are looking forward to exciting encounters in our gallery. Jewellery is sensual and full of emotions, we all need that in this time of deprivation. We will be happy to advise you personally in the gallery, by phone or email. We'd like to arrange appointments to comply with the applicable precautionary measures. We can also arrange a private exhibition for you without obligation, should you be interested in any selected artists.

The new exhibition is called: "Vessels - which tell of contents - by Peter Bauhuis, Rudolf Bott, Karl Fritsch and Gerd Rothmann"

For the very first time Galerie Biró shows exclusively vessels. You are cordially invited to join us for our open weekend. Please make an appointment before, we will arrange time slots to be able to comply with the necessary hygiene measures.

Open weekend
Friday 15, Saturday 16, Sunday 17 May 2020,
between 11am and 5pm

For more information please visit the Gallery website

 

Wednesday, 15 April 2020 15:03

OPEN CALL - Chinese Mythology

We had multiple debates before determining the “Chinese Mythology” theme. Nezha, a film released not long ago, was a huge hit. Aside from some flaws, the film has touched people’s hearts. I suddenly realized that Chinese mythology had not disappeared and my previous understanding of mythology was since changed. (I used to think that Chinese mythology was just ancient mythology.) In this regard, I cannot agree more with Mr. Ke Yuan’s viewpoint of “generalized mythology” (1).

The reason why Greek mythology enjoys permanent charm lies in that it has been made rich and beautiful by the processing and polishing of generations of great European literati and artists. Similarly, Chinese mythology, which was wild and pristine in the primitive society, has been handed down and gone through constant changes with the changes of social nature. For instance, that Pan Gu took the place of Nuwa reflected matriarchy giving way to patriarchy in the primitive society. There was even a plot of Gun, a gigantic male fish, giving birth to Yu (2) in the ancient Chinese mythology created back then. Another example is that, since the state system was established when the first dynasty was set up, the expression emperors of heaven was changed into the only emperor of heaven. The medical system which flourished in the Warring States Period was embodied by Panmao (3), a bird with a human’s face in the mountain classic part of The Classic of Mountains and Seas, Danmu (4), wood which cured tuberculosis, and other similar mythological fantasies. Chinese mythology always changes with the times endows it with the greatest and most unique charm.

However, Chinese mythology seems to have hit a bottleneck in modern times. In my humble opinion, one reason is that it is ignored by the rapid development of economy and technology, and another is that mere retelling of the gods’ and monsters’ images in ancient books or the stories themselves is just a formality which can hardly impress people. Nevertheless, contemporary Chinese mythology still exists. In recent years, there have been numerous literary works inspired by The Classic of Mountains and Seas, while artistic works are relatively inferior in quantity. Here I need to mention a contemporary artist Mr Jian’an Wu whose point of view is that the current scientific and technological development originates from ancient mythology and people are developing science and technology in order to return to the place where they came from. I agree with him to some extent. What impresses me most about his works is that he injects new content and spirit to the original Chinese mythology. For example, his work Black Carp interprets a story behind a religious murder from the perspective of modern people, making the mythological system of The Tale of the White Serpent richer and more three-dimensional. Therefore, reflecting on our field, I believe that if we present Chinese mythology with the contemporary jewelry language, and dominate the development of Chinese mythology with our spirit and will, the new mythology created will definitely affect the next civilization.

Maybe Chinese mythology will come to an end and disappear in the future when people do not need it, but at least we still need it today. Although unlike the ancients, we do not worship personified objects more than we worship humans, we still need to treat everything in the world with reverence. The relationship between man and the universe, man and nature, and men themselves are all included in mythology. Jewelry itself is a rather direct expression of the relationship between object and human, which is not only an aesthetic appreciation of art. Therefore, we launch the contemporary jewelry exhibition with the Chinese Mythology theme, hoping to see people combine Chinese mythology with jewelry to express their explorations on space science, philosophical speculation, religion, natural environment, local folk customs, personal ideal, view of love, or Chinese kinship concept, etc.

In view of the outbreak of the novel coronavirus pneumonia in China, the Chinese Mythology exhibition originally scheduled to open on June 15 will be postponed to ensure the health and safety of exhibitors and visitors. The extensions are as follows:
Deadline for Submission: Extended from April 30, 2020 to June 20, 2020
Publication Date: Extended from May 20, 2020 to July 10, 2020
Opening Date: Extended from June 15, 2020 to August 8, 2020

Requirement and schedule:
• Each exhibitor shall design and make jewelry works according to the theme. The quantity is not limited but the size shall be within 50 × 50 × 50 cm. In case of special circumstances, the exhibitors shall contact the organizer in advance. The works shall be original and will be disqualified for entry and exhibition once found to be plagiarisms.
• Image materials, design description and personal profile shall be submitted before April 30, 2020 to This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. or This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. for selection by the organizing committee.
• Application and exhibition are free of charge.
• From April 30, 2020, the judging panel will judge all submitted works according to their photos. The results will be published on Vonmo’s official account on May 20, 2020, and the organizing committee will contact the selected artists in time.
• The selected artists shall bear the mailing cost. If the works are sold, 100% of the amount will be given to the exhibitors.
• On June 15, 2020, the Chinese mythology-themed contemporary jewelry exhibition will be open. The organizing committee reserves the following rights: to display the specially invited and selected works freely, to photograph the exhibited works and use the photos in public freely, to use designers’ personal information in public freely, and to publish the public works and work collections for exhibition at home and abroad.
• After the exhibition, the organizer will properly mail back the works exhibited, as well as exhibition certificates and exhibition works collections.
• The above schedule is for reference only. The actual schedule will be based on the actual progress of the project. Exhibitors will be notified in case of any change in the schedule involving them. The organizer reserves the right to interpret relevant matters.


Jury:
Hongxia Wang, jewellery artist.
Kim Buck, jewellery design master, creative director of Secret Gallery in Copenhagen.
Maria Rosa Franzin, jewellery artist, chairman of the Italian Contemporary Jewelry Association.
Yi Zhao, jewellery artist.

* The following books related to the theme are provided for your reference:
Myth and Poetry by Yiduo Wen.
Chinese Mythology by Mingzi Qian.
Study of Chinese Mythology ABC by Maodun.
Ancient Chinese Travel and Study by Shaoyuan Jiang.
Further on Generalized Mythology by Ke Yuan.
The Water God of China by Zhigang Huang.
A Research of Ancient Chinese Religion and Mythology by Shan Ding.
Chinese Mythology & Thirty-Six Stratagems (Ancient Chinese Wisdom) by Ciyun Zhang.
1. Further on Generalized Mythology by Mr Ke Yuan.
2. Mythology about Yu preventing floods by water control in The waters of the deluge swelled up to heaven. Gun, a gigantic male fish, stole the soil of the Supreme God to dam up the waters of the deluge without awaiting the command from the Supreme God. He ordered Zhurong to execute Gun near the Feather Mountain. At the same time, Gun gave birth to Yu. This story about male giving birth is a trace of the custom of men in the patriarchal clan society dressing up as women and pretending to give birth.
3. Mythology from: There is a bird dwelling on the North Raucous Mountain whose form resembles a crow with a human’s face. It is called Panmao. It flies at night and sleeps during the day. Eating it will cure Jie. Pu Guo made a note about Jie, pointing out that it means heatstroke and is pronounced Jie.
4. The Chinese character dan refers to tuberculosis.

 

Sunday, 29 March 2020 08:44

INVITO a fare un breve Video-messaggio

Tutti i Soci sono invitati a partecipare con un breve video messaggio!!!!

Il Museo del Bijou di Casalmaggiore richiede a tutti di inviare un video-messaggio di auguri al Museo, a Casalmaggiore, alla Lombardia, all'Italia intera, per sostenere la Cultura e la Bellezza in questo difficile momento, per regalare a tutti un pensiero di speranza.

Il vostro video verrà postato sulle pagine social e sul sito del Museo del Bijou di Casalmaggiore.

Aspettiamo i vostri contributi a:
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

PER VEDERE LA PAGINA DEI VIDEO-MESSAGGI PUBBLICATI SUL SITO DEL MUSEO DEL BIJOU DI CASALMAGGIORE 

vai a: http://www.museodelbijou.it/ce-la-faremo/

In occasione della Settimana dell'Oreficeria di Firenze 2020, è in programma la mostra che sarà ospitata nell'ex refettorio all'interno del complesso museale di Santa Maria Novella dal 28 maggio al 4 giugno. Sono stati selezionati quasi 30 pezzi, degli oltre mille pezzi realizzati dai più influenti maestri che hanno segnato la storia della "Nuova Oreficeria" dagli anni '50 ad oggi. Saranno esposti per la prima volta gioielli di grandi nomi della scena internazionale, come Manfred Bischoff, Peter Chang, Yasuki Hiramatsu, Fritz Maierhofer, Bruno Martinazzi, Francesco Pavan, Ruudt Peters, Gerd Rothmann, Peter Skubic

Il motivo che ha dato il via a questa incredibile collezione è stata la ricerca di un regalo di Karl Bollmann alla moglie, in occasione dell'arrivo del secondo figlio. Karl cercava un gioiello, unico non solo nella sua lavorazione, ma soprattutto originale nella sua ideazione. Felicemente sorpreso dal genio di Peter Skubic e in occasione di una mostra collettiva nel 1972 al MAK Museum of Applied Arts di Vienna, il signor Bollmann decise di commissionargli il regalo speciale. Karl gli fornì le pietre, i diamanti che aveva ereditato, che avrebbero dovuto dare lustro al gioiello... Ma l'artista invece agì in totale libertà e creò un anello cinetico in acciaio! Si potrebbe dire che proprio la libertà di Skubic ha posto le basi di questa enorme collezione di opere d'arte indossabili. La libertà di espressione e la sperimentazione artistica potrebbero quindi essere considerate come i requisiti fondamentali di questi gioielli, scelti dalla coppia Bollmann proprio perché incarnano lo spirito del loro tempo.

Peter Skubic, Anello TENSION, 2005, acciaio inossidabile, vetro acrilico, 24x55x45 mm. Collezione Karl & Heidi Bollmann

Peter Chang, Gemelli, 2015, plastica, 45x35x2 mm. Collezione Karl & Heidi Bollmann

Manfred Bischoff, Spilla FACE, filo laccato, 125×65 mm. Collezione Karl & Heidi Bollmann

Yasuki Hiramatsu, Spilla, oro, 50×13 mm. Collezione Karl & Heidi Bollmann

Francesco Pavan, Spilla, diverse leghe d'oro, 65x65x10 mm. Collezione Karl & Heidi Bollmann

 

 

Monday, 09 March 2020 10:14

L'Universo dell'Arte dei Gioielli

Alla Galerie Slavik fino al 15 marzo la mostra L'UNIVERSO DELL'ARTE DEI GIOIELLI, in cui si potranno ammirare le opere di grandi autori da Joaquim Capdevila, a Michael Becker a Bruno Martinazzi e molti altri.

"Le opere scultoree di artisti conosciuti e meno conosciuti ti aspettano nel nostro universo di gioielli all'inizio del nuovo anno. La ricchezza di idee che si manifesta in un'ampia varietà di lavori di oreficeria affascina ancora e ancora. Che sia incantevole in modo giocoso come la collana intrecciata di Kazumi Nagano, la spilla narrativa di Joaquim Capdevila o rigorosamente geometrica come la collana in bronzo di Isolde Baumhackl - OGNI UNICO GIOIELLO È UN UNIVERSO NEL SUO PROPRIO! Senza gioielli, la vita è bella solo per metà, guarda tu stesso, perché i gioielli si connettono oltre i confini!" (di Renate Slavik & Jutta Pietsch proprietarie della Galleria).

Thursday, 05 March 2020 13:02

JEWELLERY IS NOT ONLY JEWELLERY. FINALE

Con la mostra JEWELLERY IS NOT ONLY JEWELLERY la Galleria d'arte PUTTI festeggia il suo ventennale e contemporaneamente FINALE. In questi anni ci sono state molte mostre di gioielli contemporanei e concettuali. Ampliando così la comprensione classica del gioiello e al tempo stesso sfidando i confini della creatività per il gioiello stesso, per i suoi creatori, per chi lo indossa e anche per i collezionisti. Esteticamente, intellettualmente e anche fisicamente - dimostrando che l'oggetto che chiamiamo gioiello non ha una cornice percettiva. L'unica cosa che può essere considerata è il tempo.

Ogni azione, persona ed evento ha il suo segmento temporale. Per la galleria, sono 20 anni. Per tutto questo tempo, la galleria ha parlato con il mondo nella lingua dei gioielli. I gioielli sono un linguaggio di segni visivi e tattili - a volte anche più conciso e adatto alle parole. Saturati di un codice e di simboli del proprio tempo, esigendo di conseguenza un partner virtuoso (chi li indossa) allo stesso livello. Si può dire che questi anni sono stati una grande esperienza di apprendimento per la galleria stessa, per i visitatori della galleria e anche per gli artisti. Insieme all'estetica, il bar intellettuale è stato altrettanto importante fin dall'inizio della galleria. Con l'aiuto delle mostre, la galleria ha voluto creare un'esplosione nei pensieri della gente sui gioielli, accendere l'interesse per il mondo dei gioielli e scoprirne le profondità. Forse anche cambiare la cornice di pensiero esistente su JEWELLERY.

Simbolicamente, la mostra di chiusura della Galleria d'arte PUTTI - JEWELLERY IS NOT ONLY JEWELLERY incarna contemporaneamente l'essenza dell'intera galleria. Dimostrando chiaramente che i gioielli sono più di una decorazione. L'arte non può cambiare il mondo. Ma l'arte può cambiare il nostro modo di pensare. E i gioielli sono, in un certo senso, uno stimolo a questo processo di pensiero - costruiscono relazioni reali e richiedono una partecipazione altrettanto intensa. Sono 15 gli artisti che partecipano alla mostra JEWELLERY IS NOT ONLY JEWELLERY - pensatori e creatori di gioielli contemporanei provenienti da diverse parti del mondo, che in larga misura formano la nozione di gioiello contemporaneo come mezzo e messaggio:

Ana Cardim (Portogallo), Annamaria Zanella (Italia), Barbara Uderzo (Italia), Corrado De Meo (Italia), Emmanuel Lacoste (Francia), Felieke van der Leest (Norvegia), Gigi Mariani (Italia), Maija Vītola (Lettonia), Maria Rosa Franzin (Italia), Nicolas Estrada (Spagna), Reka Lorincz (Ungheria), Renzo Pasquale (Italia), Sara Barbanti (Italia), Tanel Veenre (Estonia), Valdis Brože (Lettonia).

 

Thursday, 05 March 2020 11:06

Mostre alla Galleria Biró

Nonostante la cancellazione della fiera dell'Artigianato e del Design a causa del Corona-Virus, la Galleria Biró presenta tre mostre durante la Settimana della Gioiello di Monaco di Baviera.

La prima è dell'artista orafo Niklas Link con la mostra dal titolo CHARACTERS dal 9 marzo al 21 marzo alla Galerie Jordanow. Gli orari di apertura: Lun-Sab 11-19, Domenica 11-15 | Vernissage l'8 marzo dalle 11.00 alle 14.00

Non vediamo l'ora di vedere la prima mostra personale con Niklas Link. Avremmo già potuto ammirare le sue opere alla "Germanys Upcoming Talents - GUT" nel 2015, all'epoca si era appena laureato alla University of Applied Sciences and Arts di Hildesheim, con Georg Dobler.
"Alla ricerca del mio totem, osservo il mio ambiente e mi lascio influenzare dalle culture. È un processo individuale in cui comprendo l'autoritratto come una possibilità di interrogarsi, con l'aiuto della quale posso rappresentare ciò che mi interessa, mi commuove o mi impressiona. Le rappresentazioni degli animali sono un simbolo elementare e unificante di tutte le culture. Partendo da schizzi su un'immagine del mio volto, costruisco i corpi cavi d'acciaio con l'aiuto di una microsaldatrice. Con la scelta dell'acciaio come materiale, un piccolo accento allegorico è posto anche sulla caducità e la mutevolezza degli esseri viventi: invecchiando, così come i miei oggetti. Indossandoli vivono, ne ricevono le tracce". Niklas Link

La seconda mostra sarà direttamente nella Galleria Biró con Bussi Buhs / Petra Zimmermann dall'11 marzo al 24 aprile. Gli orari di apertura durante la MJW: Lun-Sab 11-19, Domenica 11-15 | Vernissage il 12 marzo ore 18.00

Petra Zimmermann, viennese, adora l'artista Bussi Buhs, che ha insegnato per molti anni all'Accademia di Belle Arti di Monaco, e Bussi apprezza le opere pittoriche, narrative e sfacciate della giovane collega. I suoi gioielli non potrebbero essere più diversi nel loro linguaggio formale, ma ciò che hanno in comune è l'alta qualità, unita a un'infinita fantasia nelle opere. Anche il materiale dell'opera mostra delle analogie, l'amore per la plastica nell'arte, nel senso del filosofo francese Roland Barthes "La plastica è meno una sostanza che l'idea della sua infinita trasformazione”. Questa intuizione, dice Bussi, dà all'artista libertà e influenza il potere creativo.

La terza mostra in programma dal titolo THE HIGHLY HONORED è quella di Robert Baines, Kadri Mälk, Lisa Walker alla Galerie Jordanow dall'11 al 21 marzo. Gli orari di apertura: Lun-Sab 11-19, Domenica 11-15 | Reception with live music: 12 marzo ore 19.00

Il 04.03. c'è stata l'inaugurazione della mostra di Lisa Walker alla Villa Stuck a Monaco, una mostra davvero eccezionale, assolutamente degna di essere vista e grande - e Kadri Mälk partecipa alla mostra "Stones - the final cut" nella Galerie Handwerk con le sue affascinanti pietre, e qui il vernissage è l'11 marzo.
Mentre la fiera IHM è stata cancellata e quindi anche l'esposizione di Robert Baines negli stand del quartiere fieristico purtroppo non ha avuto luogo, siamo molto lieti di mostrare da noi questo "grande classico". Una mostra in onore degli onorati!

 

 

Monday, 02 March 2020 19:26

Portraits of a year - FEDERICA SALA

Durante la Settimana del Gioiello di Monaco di Baviera 2020Federica Sala presenta una selezione del suo nuovo corpus di spille e piccole sculture con un progetto espositivo specifico pensato per un'esperienza pubblica coinvolgente.

C'è un angolo all'interno di ogni casa, dove i ritratti sono raccolti ed esposti. Tutti ben disposti, raggruppati e incorniciati, sembrano essere lì per prevenire la nostra paura della solitudine.
Questo luogo è stato progettato per mettere a tacere un dolore futuro "potrebbe accadere" con emozioni travolgenti. Infatti, circondati dai ritratti recuperiamo i sentimenti.
I ritratti sono portatori di emozioni che vanno oltre il tempo e lo spazio. Guardandoli ci avviciniamo alla rappresentazione di una realtà in cui si mescolano essenza e apparenza, percezione ed esperienza.
I ritratti di un anno sono una storia di rivelazione. Focalizzata sulla dualità del nascondere e dell'esporre, Federica indaga la meccanica della rappresentazione che riguarda la nostra stessa persona. Il focus principale della ricerca dell'artista è stato il sentimento umano, e i ritratti sono intesi come una raccolta di emozioni universali, un assortimento di reazioni intuitive agli eventi della vita.

Per Maggiori Informazioni

 

Nell’ambito del circuito Polyphonous 2020 e in occasione della Munich Jewellery Week presso la Werkschau-Galerie für Objekte und Bilder dall’11 al 15 marzo si terrà la mostra SOTTO VOCE della socia Letizia Maggio con foto di Alice Brazzit e Raquel Bessudo.

Letizia Maggio realizza una serie inedita attraverso l’uso di diversi media e tecniche, abbandonando quasi definitivamente l’inserimento di metalli, o materiali comuni, e concentrandosi sulla stampa fotografica su tela delle foto - formato polaroid - di Alice Brazzit, che rappresentano infinte porzioni di un corpo nudo. …L’arte di Letizia Maggio si manifesta come in un kintsugi non terminato, esprime tutta la sua sensualità nella ferita, nell’imperfezione…l’esercizio infinito dell’artista che si dedica alla grande e impossibile ricerca di un senso, di un’armonia inafferrabile.

Il paesaggio emotivo di Raquel Bessudo è più spesso fatto di elementi esterni, ambientali, come un albero, una casetta, una piccola vetta, un tavolo. Scene di vita quotidiana cucite da un filo rosso, come una volta si cucivano le iniziali sui vestitini dei bambini. Il suo lavoro incorpora tecniche pittoriche, tessuti e ricami, senza mai voler essere rifinito né tanto meno sofisticato, alcuni pezzi ricordano vecchi giochi per bambini, pupazzi o bambole.

Dopo la mostra dello scorso anno Adagio.Uno, che invitava a mantenere un ritmo costante e naturale nella vita, anche Sotto Voce è un invito all’equilibrio, al bilanciamento, un invito a sussurrare, alla gentilezza e all’eleganza. Ma a guardare, o ad ascoltare, bene, Sotto Voce significa anche sotto la voce, apre le porte del ‘sotto’ del ‘dentro’: sotto la pelle, sotto la voce, sotto la superficie delle cose. (testo a cura di Ilaria Ruggiero)

Thursday, 27 February 2020 05:34

WORD! di Paul Adie

Nello spazio della Galleria Rob Koudijs di Amsterdam in Olanda, specializzata in gioielli d'arte contemporanea che comunicano idee e che hanno qualità scultoree e un uso innovativo dei materiali, il 18 gennaio è stata presentata la mostra Word! dell’autore e designer di gioielli scozzese Paul Adie. La mostra presenta una collezione di anelli ed è aperta fino al 14 marzo.

Maggiori Informazioni sulla mostra sul sito della Galleria qui sotto:

https://www.galerierobkoudijs.nl/nl/exhibitions/word-503

 

Page 6 of 7