Redazione

Redazione

Redazione

Mercoledì, 20 Ottobre 2021 06:27

Brunella Sola

Italia

 

Concepisco il mio lavoro come ricerca: di nuovi materiali, di tecniche ibride mutuate da altri campi dell’artigianato, di contaminazioni e accostamenti inusuali. Concepisco il gioiello come ornamento e per questo non mi allontano dal concetto di vestibilità e comodità.

Nasco come orafa, dopo il diploma scientifico, quasi per caso, aspettando di capire cosa fare “da grande”. Mi iscrivo al Kapac di Milano per due anni e li nasce l’attrazione per il lavoro manuale, per la creazione del gioiello che parla di te e la volontà di trasformare la materia inerte in qualcosa di vivo e significante. Poi sono anni di studio e di applicazione, in laboratori di produzione artigianale dove imparo la tecnica che mi permetterà in seguito di spaziare e concretizzare i miei disegni e le mie suggestioni. La natura, il paesaggio urbano, il particolare architettonico: questi sono le mie ispirazioni. Per questo la mia produzione è alle volte minimale con forme semplici ed elementari, altre più realistica con richiami alla flora. Sperimento gli smalti quando ho voglia di colore, l’ossidato quando ho bisogno di smorzare l’impatto cromatico.

Dal 1992 ho il mio laboratorio in Bergamo dove progetto, disegno, realizzo il toto le mie creazioni.

 

 

 

Martedì, 19 Ottobre 2021 12:48

LAO - Le Arti Orafe

Italia

Studying, learning, experimenting without limits or boundaries.

Established in 1985 by Giò Carbone, LAO - Le Arti Orafe Jewellery School was the first Italian school devoted to contemporary jewellery, and since the very beginning has encouraged and promoted a learning process emphasizing technical and professional skills, combined with artistic research and contemporary design. LAO have its headquarters in the historic and artistic heart of Florence, in the Santo Spirito/San Frediano district.

LAO invented and experimented with a training programme that put the stress on anti-conventional reworking of traditional procedures and techniques, combining the knowledge of craftsmanship with contemporary concepts, exploring the creative use of traditional materials and introducing other, completely innovative ones. Nowadays the school is one of the most important in Europe, it is an Accredited Training Agency for courses approved and financed by the ESF (European Social Fund), and an Authorized entity for Erasmus projects. The school has five workshops for practical activities, a gemology classroom, a library, a CAD studio and two classrooms for design and theory lessons. Main courses are held in Italian language, and foreign students are required to have an B2 level knowledge of this language. Courses in English could be scheduled on demand. Besides the normal education activities, LAO has a long curriculum of events, collaborations with people and companies and different projects in different areas and countries. Stories of friendship, cooperation, cultural exchange and enrichment with professionals, artists, friends. Since 2005 the school organizes "PREZIOSA" the international exhibition devoted to Contemporary Jewellery, and the side contest/exhibition PREZIOSA YOUNG. Since 2015 the school organizes the "FLORENCE JEWELLERY WEEK" an intensive 7-day event devoted to the jewellery world and the complex relationships between artistic research, crafts and design.

Courses:
- Jewellery making
- Jewellery design
- CAD
- Stone setting
- Hand Engraving
- Enamel

Every year, summer, short, intensive and week-end courses are scheduled

 

 

Lunedì, 04 Ottobre 2021 07:08

Esposizione Selezione Gioiello VDW 2021

Nell'ambito della Settimana del Design di Venezia 2021, si è aperta il 30 settembre la mostra di gioielli ABBAGLIAMI al Ca’ Pisani Design Hotel di Venezia.

Abbagliami! è il tema di Venice Design Week Jewelry Selection 2021. Il concorso è all’ottava edizione e ogni anno designer di gioiello contemporaneo sviluppano le loro idee confrontandosi a livello internazionale.
Il tema era una chiara esortazione, con punto esclamativo, a creare un gioiello che sapesse attirare l’attenzione e sorprendere chi lo guarda. Rappresentava una sfida a giocare con la luce, i colori, i riflessi di uno specchio e con tutto ciò che può stupire l'osservatore.
Il concorso è stato promosso da Venice Design Week con la collaborazione dell'Associazione Gioiello Contemporaneo AGC, Cà Pisani Deco Design Hotel, OhMyBlue Gallery, Oona Gallery, Creativity Oggetti, 16metriquadri contemporary jewelry, e con la media partnership di GioielloContemporaneo.it e Vicenza Jewellery.

Del centinaio di progetti appartenenti a 71 artisti che hanno inviato i loro lavori da tutto il mondo, 16 sono stati coloro che la giuria ha ritenuto avessero interpretato e raccontato meglio i valori del tema proposto attraverso il loro gioiello.

I partecipanti al concorso selezionati per la mostra al Ca’ Pisani Deco Design Hotel sono: Miriam Arentz – Germania, Matteo Belardinelli – Italia, Annarita Bianco – Italia, Hairuo Ding – USA, Anna Fanigina – Lettonia, Eiko Nakahara – Giappone, Paolo Gambarelli – Italia, Martin Grosman – Repubblica Cieca, Lital Mendel – Israele, Soon-in Han – Sud Corea, Michael Hofmeyer – Italia, Namkyung Lee – Sud Corea, Stefania Lucchetta – Italy, Andreia Gabriela Popescu – Romania, Jennifer Wells – USA, Métis: Sergio e Stefano Spivach, Giovanna Gavaudam – Italia.

La giuria era composta da Maria Rosa Franzin, Associazione Gioiello Contemporaneo AGC, Anna Schetelich, OONA Galerie di Berlino, Elena Rizzi, galleria OHMYBLUE, Venezia, Roberto Zanon architetto e Professore di Design all’Accademia delle Belle Arti, Valeria Accornero, giornalista e blogger, Marianna Serandrei, titolare di Ca’ Pisani Deco Design Hotel.

La mostra si tiene al primo piano del suggestivo Ca’ Pisani Deco Design Hotel situato in Dorsoduro 979A a Venezia. La mostra apre le porte il 30 settembre dalle 14:00 alle 19:00 e termina il 24 ottobre 2021, l’ingresso è libero, green pass obbligatorio.
Il premio è promosso dalla settimana del design di Venezia: Venice Design Week che si tiene dal 9 al 17 ottobre 2021 con tema principale DESIGN X TUTTI.

Venerdì 15 ottobre ore 15 visita guidata su prenotazione fino ad esaurimento dei posti disponibili. vai al link per la prenotazione
Domenica 10 ottobre ore 17 cerimonia di premiazione su invito a Palazzo Contarini Polignac Dorsoduro 875 - Venezia - vai al link per la prenostazione

Prima edizione, anno scolastico 2020-2021.

La selezione per la prima edizione del bando per l’assegnazione di una borsa di studio LAO intitolata alla memoria di Maria Cristina Bergesio è stata più lunga e complessa del previsto, ma possiamo finalmente comunicare il nome della candidata che è stata selezionata per questa importante prima edizione.

La signora Federica Cogliandro, vincitrice della selezione, è stata ammessa alla frequenza gratuita al secondo anno del corso di oreficeria, e oltre a seguire le normali lezioni svilupperà durante tutto l’anno un progetto che sarà caratterizzato da una ricerca innovativa sul gioiello contemporaneo.
In questo progetto Federica sarà seguita da Alice Rendon, docente di storia del gioiello contemporaneo, da Maria Laura La Mantia, docente di Cultura del gioiello, e da Giò Carbone per la realizzazione degli oggetti.

I risultati della ricerca saranno resi noti e pubblicati alla fine del periodo di studi.

LAO ringrazia i numerosissimi partecipanti al bando, che sono invitati a riprovarci per la prossima edizione, nel 2022.

L’Associazione Gioiello Contemporaneo AGC in collaborazione con:

Biblioteca Universitaria di Pavia

Fondazione Maria Cosway (Lodi)

Liceo Piazza (Lodi)

Fondazione Villa Romana Le Grotte - Portoferraio (Elba)

propone la mostra a tema in occasione delle celebrazioni del bicentenario dalla morte di Napoleone Bonaparte 1821-2021. Una serie di ritratti femminili in epoca napoleonica ad opera di artiste quali Maria Cosway, Élisabeth-Louise Vigée Le Brun, Angelica Kauffmann, Mary Moser, Anne Seymour Damer, e le figure femminili più vicine al Bonaparte - tra Lombardia e l’Elba - Paolina, Madame Mére Maria Letizia Ramolino, Giulia Beccaria, ispirano opere gioiello di autori contemporanei.

I curatori della mostra mettono a disposizione una bibliografia e una serie di riferimenti iconografici ai quali gli autori del gioiello contemporaneo (soci AGC) potranno ispirarsi e accostare al ciascun ritratto le loro opere. Tutti gli orientamenti tematici saranno a disposizione degli autori al momento della pre-adesione - inviare richiesta a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

il termine per la proposta delle opere per il progetto "1821-2021 Ritratti femminili e dettagli contemporanei all’epoca di Napoleone" è stato esteso al 28 febbraio 2022, a seguito delle variazioni intervenute riguardo alle sedi espositive.

Per gli aggiornamenti rinvio al bando aggiornato (in allegato) e all'assemblea dei soci di domenica prossima 6 febbraio.

preadesione: potete rispondere a questa email per richiedere l'accesso alla cartella dei materiali a disposizione

scheda opera: da registrare a questo link

 

E' disponibile in area soci la presentazione del progetto.

referente AGC: Eliana Negroni - 335 8083039

Gioielli in Fermento 20|21

EVOLUZIONE E AFFINAMENTO
L’esposizione rappresenta il fermento in.. evoluzione in 114 opere degli autori di gioielleria contemporanea internazionale, provenienti da più di 20 paesi del mondo.

IL PROGETTO 
Gioielli in Fermento nasce 10 anni fa, trasformando nel tempo il tema originale del territorio e delle atmosfere mediterranee, a cui restiamo eticamente e geograficamente legati. La collezione scelta dalla giuria per il 2020 é apparsa in un tempo globalmente sospeso. La pandemia scoppiata nei primi mesi dell’anno ha segnato in modo indelebile una linea di demarcazione nell’attività di ognuno di noi.
ANTE e POST “corona”:
Il tema del 2020 “evoluzione & affinamento” ha imposto una riflessione e suggerito un nuovo livello di ricerca. Per dare enfasi a questo periodo di transizione si é inteso registrare il passaggio tra ciò che “è stato” fino all’esplosione della pandemia, dei pericoli del contagio, della paralisi di ogni attività e del confino – il prima – e ciò che da quel momento in poi ha implicato il ripensare le nostre vite, le nostre reazioni, i nostri ruoli – il dopo.

LA RICERCA 
L’approccio artistico raccontato attraverso le mostre di Gioielli in Fermento rappresenta il motus creativo degli autori che attraverso le loro opere registrano, subiscono, reagiscono ai cambiamenti – dal punto di vista concettuale, dal punto di vista pratico, dal punto di vista esistenziale.
La pubblicazione della prima parte di questa ricerca costituisce una sorta di ultimo antefatto. La sfida del confronto ANTE/POST è un’ulteriore evoluzione del progetto in Fermento. Emergono nuovi significati per il gioiello sperimentale.
Una frattura o un’opportunità determinata dal Covid19 ma non solo o non necessariamente. Un’esigenza da ricomporre, congiungere, sviluppare, la ricerca di un’opera complementare o giustapposta, per evoluzione o rivoluzione, dissolvimento o ricostruzione. O semplicemente ricerca di un equilibrio. I nostri body-ornaments che interpretano una necessità, un sollievo, un messaggio, un’evasione, una gratificazione, una memoria: amuleti personali di una nuova era.

Primo Premio
Yukiko Kakimoto (Giappone)
METAMORPHOSE, spille, 2020 and 2021
argilla, lacca giapponese Urushi, inchiostro giapponese Suoi, polvere d’argento puro, argento ossidato

Secondo Premio
Boglárka Mászi (Ungheria)
REFLECTING, epaulette, 2020 and MEMORY FRAGMENTS, epaulette, 2021, carta e cemento

Terzo Premio
Letizia Maggio (Italia)
MEIN KUNST, collana, 2021
argento, rubino

Per maggiori informazioni sugli altri Premi e Menzioni e su tutti gli autori selezionati vai al link

A seguire il video realizzato nella straordinaria Villa Braghieri con tutte le opere selezionate:

 

Giovedì, 01 Luglio 2021 12:11

Gioielli in Fermento 20|21 Awards

7 giugno 2021

E’ un’emozione riportare il mondo in #VillaBraghieri

Ringrazio tutti coloro che hanno confermato il sostegno a questo progetto anche in questa laboriosa edizione decennale:
l’ AGC Associazione Gioiello Contemporaneo, il Comune di Castelsangiovanni che ci ospita, Allied Group, LAO Le Arti Orafe Jewellery School, Archivio Negroni Milano, SPV, La Soaza, Angela Petrarelli e le collaborazioni internazionali Joya Art Jewellery & Objects, Grupo Duplex Ieva Bondare e la prestigiosa giuria - Prof Alba Cappellieri, Renzo Pasquale, Olga Zobel Galerie_Biro' Monaco di Baviera.
Ringrazio le amministrazioni che ci hanno riconosciuto merito del patrocinio e le associazioni del territorio DeA Piacenza, Rete Confluenze, La Valtidone, InfoPoint_valtidoneluretta Associazione Nazionale Le Donne del vino dell'Emilia Romagna e Consorzio vini Piacenza con Enoteca Regionale dell'Emilia Romagna.

In dieci anni dal vino all’arte, Gioielli in Fermento ha portato uno sguardo collettivo appassionato sulle colline e lo ha poi disseminato in molti luoghi, è stata una esperienza lunga e ogni volta originale, per me che ne ho accompagnato tutti i passi e spero per tutti coloro che ne hanno fatto parte.

Ai 62 autori della prima parte (2020), si aggiungono 15 autori nel 2021 con in tutto più di un centinaio di opere per la doppia edizione delle mostra. A loro si affianca un cinquantina di opere della sezione studenti, dai licei artistici (Lodi, Padova, Trento) alle scuole orafe, accademie e master in design - che registra le varie sfaccettature delle opportunità formative nel contesto dell’ornamento.

To the 62 jewellery artists and designers of the first part (2020), 15 more have been selected in 2021 with a total of more than a hundred works for the double edition of the exhibition. About other fifty works represent the student section, from high schools of art (Lodi, Padua, Trento) to goldsmith schools, academies and masters in #jewellerydesign - stating the various facets of educational opportunities in the context of #ornament.

grazie | thank You
Eliana Negroni

Giovedì, 01 Luglio 2021 07:44

Segni sul Volto

Nell'immagine qui sotto si riportano i nomi dei partecipanti al workshop

 

Programma eventi:

Sabato 25 settembre ore 10; Carla Riccoboni : Presentazione del progetto

Sabato 2 ottobre ore 10: Francesco Bravin, antropologo

Sabato 9 ottobre ore 10: Maria Laura La Mantia, docente di storia del gioiello

Sabato 16 ottobre ore 10: Roberta Bernabei, Prof. design e creative arts, a seguire Alessandra Menegotto, docente di storia dell’arte

Sabato 23 ottobre ore 10: Chiara Scarpitti, designer e ricercatrice

Per ogni incontro è stato anche preparato un brevissimo video di presentazione del relatore.

Gli incontri on line sono aperti a tutti. Necessaria l'iscrizione per ricevere i codici di collegamento

Tra un incontro e l'altro verrà attivato un gruppo chiuso facebook, come spazio di confronto e documentazione.

 

L’iniziativa sarà condotta in lingua italiana e la partecipazione è gratuita su iscrizione/selezione.

Nasce da un progetto di Carla Riccoboni e con il coordinamento di Alice Rendon.

Il progetto inizia da un’idea di Carla Riccoboni, designer e orafa italiana, storica auto-produttrice di gioielli, da sempre interessata al concetto di serialità e ai risvolti etici e sociali della sua professione.

Segni sul volto ha come obiettivo la progettazione di una collezione di oggetti da viso, come occasione per riflettere sul valore identitario dell’ornamento, carico di valenze simboliche oltre che decorative: “In un momento storico in cui la pandemia ci ha costretto a coprire il viso con una maschera, si può ripensare ad esso come al primo e più significativo strumento di comunicazione.” (Carla Riccoboni)

 

 

SEGNI SUL VOLTO 2021_ita

CRITERI DI SELEZIONE_ita

MODULO DI ISCRIZIONE_ita

CALENDARIO SEGNI SUL VOLTO 2021_ita

 

qui sotto nella sezione Video trovi le presentazioni dei progetti a cura di Carla Riccoboni, Francesco Bravin e Maria Laura la Mantia:

Giovedì, 24 Giugno 2021 09:43

Roberta Pavone

Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

bracciale
Papille deliziate
anello
anello
orecchini
Giovedì, 24 Giugno 2021 06:32

Margherita Berselli

Italia

 

"The Earth allows me to move my body in the space, defining and extending my limit. Earth is certainty, it's the beginning of the direction of a body and it allows the development of a landscape, a point of view, a new vision. Earth is transformation, merging, folding. It is inside of a rock, inside of its hardest and smallest part.“

L' esperienza con il mondo del gioiello contemporaneo di Margherita Berselli nasce in un altro campo artistico, ovvero dallo studio scultoreo che approfodisce presso l'Accademia di Belle Arti di Brera per diversi anni.
E' qui che lavorando una materia resistente, donandole una nuova forma, diversa dal suo stato grezzo, Margherita scopre e ricerca una connessione con il processo di trasformazione naturale. La sfida artistica di M. Berselli è quella di portare alla luce quelle sottili relazioni tra artificio e natura, attraverso il suo gesto artistico.

​Scolpire, scavare, incidere, dare forma, lasciare quindi una traccia del nostro passaggio su una pietra. Può accadere veloce come un pensiero. Tra le sue mani, le pietre ricevono una nuovo forma, divengono soggetto attivo, capace di ricucirsi con il mondo, resistendo al tempo, trovando un nuovo ritmo.

Il mio ultimo lavoro è rappresentato da una collezione di gioielli e piccole sculture intitolata "Partiture" realizzata in quarzo tormalinato e rutilato, oro, argento e acciaio inossidabile. Questi lavori nascono da una profonda ricerca nella lavorazione delle pietre preziose e da un interesse costante per il linguaggio scultoreo contemporaneo. Ho indagato la pietra, come origine di un ritmo materico infinito, capace di coinvolgere l'atto scultoreo e il suo stesso gesto di trasformazione.
Dunque il confine tra natura ed artifico non è più così chiaro, siamo un tutt'uno con la materia stessa, anche la più dura, anche la più eterna.

 

 

 

 

 

 

Partiture
oggetti | quarzo tormalinato | 2020
Senza Titolo
Intersecting Score II
Brooch | Turmalined Quartz, Stainless steel, Silver plated | 2020
Intersecting Score
Brooch | 2020
Light Rays
Earrings | Rutilated, Quartz, 18kt, yellow and pink Gold 14kt, Gold, backs pins | 2020