Redazione

Redazione

Redazione

Venerdì, 17 Marzo 2023 16:30

Ana Calbucci

Brasile

 

Ana Calbucci production is always linked to who she was - a woman, from South America, with European ancestors, who lives in one of the largest cities of the world, in a country with enormous social and racial inequalities. This is the country of the largest equatorial rainforest in Earth. Forest that is being devastated under our eyes.
So as a Brazilian poet says, she is a true “walking metamorphosis” in this cauldron of complexities that she lives. Sometimes her work is very intimate and very personal, and sometimes it overflows in a social and ecological questioning inherent to this universe that she belongs to.

 

 

 

"Mimesis" by Mimesis Series
Rings - 2021 | TPU Filament, 3D pen, acrilic color and crochet
"Mimesis" by Mimesis Series
Brooch - 2021 | TPU filament, 3D pen, acrilic paint, crochet and silver 925
"Angustia" by Shipwreck series
Ring - 2020 | oxidized silver 9, micro glass spheres, epoxi resin
"Silencio" by Shipwreck Series
Ring - 2020 | Silver 925, micro glass spheres, epoxi resin
"Inside Out" by Shipwreck series
Bracelete - 2020 | Silver 925, micro glass spheres and enamel
"Take and Tame" by Here and Now series
Ring - 2020 | Polimerclay, silver 925 and tourmalines
Giovedì, 09 Marzo 2023 08:11

Ji Young Kim

S.Korea

 

Artist Ji Young Kim has been steadily exploring the form of kinetic elements through the "Back of the Moon" exhibition name over the past few years. Answering the question of her formative start, she said she paid attention to the use of Korean words as 'full' or 'filling' to instead of ‘wear’ when it describing the act of putting on jewelry.

"I thought this was an important revelation of inner consciousness. Jewelry not only fills what can be seen, but it may also be something important that fills up the void in the heart. I completed the form of the jewelry with a side that is not visible and little pieces that move. By revealing the hidden makes another kind of fulfillment. "

The departure of these narratives is in the form of unpredictable front and back in 2018, indistinguishable front and back in 2019, interior and exterior hidden movements in 2020, the emptiness in 2021, and it is published as a "cup" that fills and expands the story as the 'space' between the lines of extinction and creation in 2022.

-Invisible Device-
When do invisible devices become meaningful? An object that looks like a simple sculpture shows its identity with a human's touch and prepares to meet the body.

 

 

 

2021 Inhorgenta Munich Award, The 29th Legnica International Jewellery Competition: Still Human?, Poland
2020 Finalist, 10th Edition of the Contemporary jewellery Yearbook Arte y Joya 2020 2021 Award, Ripollet, Spain
2022 Enjoia’t Awards Professional(XXVII edition of the ENJOIA'T Internacional Contemporary Jewellery Awards), A-EAD, Disseny Hub Barcelona, Spain
2017 legnica silver Honorable mention, sterling silver, 10year memory, brooch
2016 Amber trip First prize, sterling silver, amber, brooch
2017 Italy Milan exhibition, sterling silver, brooch
2016 Italy Milan exhibition, aluminum, film, sound earring
2015 Itamy exhibition, sterling silver, brooch
2016 Amberif:transition, Honorable mention, amber, brooch
Martedì, 07 Marzo 2023 07:36

Converging Nodes: The Invisible Object

 In occasione di Schmuck 2023 a Monaco (D) e nell'ambito della Munich Jewellery Week si terrà la mostra "Converging Nodes: The Invisible Object" presso la Werkschau-Galerie für Objekte Bilder a Monaco da 9 al 12 marzo.

Gli artisti che fanno parte della mostra sono la nostra socia AGC Letizia Maggio, Raquel Bessudo e Renee Harari Masri.

 "L’affnità elettiva e intellettiva tra Letizia Maggio e Raquel Bessudo ormai è conosciuta." dice Ilaria Ruggiero nel suo raccontare e cercare di spiegare la mostra che porterà alla luce le opere di Letizia Maggio, Raquel Bessudo e le fotografie di un'artista messicana Renee Harari Masri.

per maggiori informazioni vedi qui sotto:



Mercoledì, 22 Febbraio 2023 14:05

Miruna Belicovici

Romania

 

My passion for jewelry making begun unexpectedly. It was like all of a sudden, after a life long full of educated words, I finally learned to talk. No boundaries, no misconceptions, just the purity of the concept, articulated meticulously in each object.
Jewellery is like a language to me, a means to very personally articulate a meaning, to unveil a deeper truth and to walk around wearing it, in plain sight. It is like wearing your inside out as truthfully as it gets. My inspiration comes from the hidden inner form of things, hence I try to see that shape that yearns to come forth, that shape that unravels best the narrative of the piece.
I find the ability of these objects to embody warmth, feelings, desires and to adorn so personally the one wearer that chooses them, deeply mesmerizing. It is the symbiotic merge between the jewel and its owner that fascinates me. The individuality of this symbiosis. Its uniqueness.

 

 

"The Mickey Mouse baroque effect" by Pretiosa collection
ring | Silver, bronze, brass screw and nut, smokey quartz, bronze powder | 2022
"Unnamed" by Inamorata collection
ring | Sterling silver, bronze, bronze powder / copper powder, garnet | 2021
"Unnamed" by Inamorata collection
ring | Sterling silver, bronze, bronze powder, garnet | 2021
"Unnamed"
ring | Sterling silver. Hand made woven structure, later casted. Private collection | 2020
By Soul scraps collection
Ring | Pure wool, old brass piece found in my grandfather's tool box, handmade paper, pigments, plastifiant spray, lacquer. Private collection | 2019
"The soul whisperer" by Whisper collection
ring | Silver, hand made woven structure casted in bronze. Private collection | 2019
Lunedì, 20 Febbraio 2023 14:30

Ariel Lavian

Israele

 

The contemporary field of jewelry, which is based on the classic field, accords the artisan's extensive freedom with regard to the techniques and materials he uses. In addition to the historical baggage that the jewel carries, the contemporary jewel is designed, among others, to defy and raise questions about the accepted status and beauty markers as well as a way to express a message, an idea, even a protest, thereby expanding a craft into an art form.

For me, the field of contemporary jewelry allows me to touch on issues that concern me in the course of my life, things, and issues that I am interested in responding to. I create with materials that are around me, which are available to me and violate my thoughts; that being said, slowly, in recent years, my heart and hands have fallen in love with Copper and its ability to receive and respond. I work mainly with techniques that combine hammers. In addition, I have specialized in various techniques for creating patinas on metal for the past eight years.

 

 

My garden - spring time
Brooch | Materials: Rose, bee, bark. Size: 121x72x51 mm. 2017
My garden - spring time
Brooch | Materials: Wood bark, soil, Wasp Nest, stone. Size: 132x63x71 mm. 2017 Brooch. Materials: Wood bark, soil, Wasp Nest, stone. Size: 132x63x71 mm. 2017
Depths of Heaven
Ring | Materials: Copper, sterling silver, enamel, epoxy Size: 86x64x57 mm 2020
Depths of Heaven
Object | Materials: Copper. Size: 150x141x68 mm 2020
Depths of Heaven
Neckobject | Materials: Copper. Size: 280x235x40 mm 2020
Depths of Heaven 2.0
Object | Materials: Copper, stainless steel. Size: 79x111x39 mm 2021
Depths of Heaven 2.0
Brooch | Materials: Copper, stainless steel. Size: 79x111x39 mm 2021
Part of my soul is made out of copper
Brooch | Materials: Copper, stainless steel. Size: 56x137x139 mm 2022
Scorched Earth
Brooch | Materials: Copper, stainless steel Size: 41x77x78 mm 2022

È importante in questi mesi condividere e dedicare uno spazio all’attualità del progetto di Nobahar design.

Il progetto di design del gioiello My City "Bloody Teheran" è un segnale potente della forza e della resilienza del popolo iraniano. Di fronte alla tirannia e all'oppressione, ha continuato a lottare per i propri diritti e libertà fondamentali. Questi gioielli non sono stati messi in vendita, ma sono il simbolo e un tributo al coraggio e alla forza della popolazione iraniana e ci ricordano che siamo al loro fianco nella lotta per un futuro migliore.

Sogand Nobahar, socia agc e designer di origine Iraniana, ci parla del suo progetto MyCity "Bloody Tehran":

"MyCity è stato progettato inizialmente nel 2017 e consiste in una serie di braccialetti e anelli, ognuno dei quali riprende la forma architettonica della Torre Milad, nota anche come Torre di Teheran. Queste opere sono progettate per raccontare una storia e farci sentire qualcosa, per aiutarci a connetterci attraverso quelle storie. Il sentimento di nostalgia e i ricordi sono eterni, e ricordare ci fa rivivere quelle esperienze e rivivere quei sentimenti.
My City è dedicato alle persone che hanno costruito una nuova vita lontano dalle loro vecchie città, ma che sono alla ricerca di qualcosa che ricordi loro il luogo da cui provengono e le proprie radici. Con la prima linea della collezione MyCity, ispirata alla mia città natale Teheran, ho voluto essere in due luoghi allo stesso tempo.

Con le recenti tragedie e la rivoluzione in Iran, volevo che avesse un significato più drammatico e urgente, con l’interpretazione che ho di recente realizzato su pezzi unici dal titolo Bloody Teheran."

A seguire i pezzi di Sagand Nobahar che tra l'altro saranno presenti il 6 Marzo a Parigi alla Fashion Week con la sfilata di AlwaySupporTalent group e successivamente dal 18-21 Maggio a Sieraad 2023 ad Amsterdam in Olanda:

Nobahar Design Milano - MY CITY TEHRAN - 2017

Nobahar Design Milano - MyCity BLOODY Tehran - Black thin cuff - 2022

Nobahar Design Milano - MyCity BLOODY Tehran - White wide cuff - 2022

Nobahar Design Milano - MyCity BLOODY Tehran - Yellow ring - 2022

 

Giovedì, 16 Febbraio 2023 10:49

Yukiko Kakimoto

Giappone

 

I use the technique of Kintsugi. Kintsugi is unique to the Japanese culture; it’s a method of repairing cracked or broken pottery. The process of Kintsugi can remind us of how we try to mend ourselves in our lives from physical or emotional wounds, just like a scar.
But a scar is much more, it marks a memory, a history, a decision, love, strength, pain, sorrow, but overall, some form of healing. Kintsugi shares similarities with how we heal with pride, strength, love and beauty. By using gifts from Mother Earth, it’s a collaborative work of natural materials and she assist its evolution and metamorphosis into its final form. If the artwork is ever broken or damaged, I'm offering to give it another life with the Kintsugi method for as long as I live. After its full use, the piece can return to earth just as we humans do.

 

 

Untitled 2019
Brooch | Potter's clay, glaze, Japanese lacquer, pure gold powder, Brass | First prize Gioielli in Fermento 20|21
Metamorphose 2020
Brooch | Potter's clay, glaze, Japanese lacquer, Japanese black ink, pure gold powder, Brass | First prize Gioielli in Fermento 20|21
Metamorphose 2020
Brooch | Potter's clay, glaze, Japanese lacquer, Japanese black ink, pure silver powder, Silver 950 and 925
Metamorphose 2020
Brooch | Potter's clay, glaze, Japanese lacquer, Japanese black ink, pure gold powder, Oxidized silver 950 and 925
Imaginary landscape 2021
Brooch | Potter's clay, Japanese paper, Japanese lacquer, Pigment, Brass | Selected at ENJOIA'T 2022 - Barcelona
Cell 2021
Brooch | Potter's clay, Japanese paper, Japanese lacquer, Pigment, Eggshell, Brass
Sabato, 11 Febbraio 2023 06:21

Adriana Del Duca

Italia

 

La mia ricerca è stimolata principalmente dalla esperienza visiva riscontrata durante il periodo della mia educazione e della mia giovinezza vissuta a Caracas dove tra gli arredi urbani - in gran numero- c'erano i lavori di precursori dell'arte ottica e cinetica come Alejandro Otero, Jesùs Soto e Carlos Cruz Diez. I miei lavori sono frutto di un’identità formatasi grazie all’interesse per le arti, la sperimentazione teatrale e l’osservazione della società.
Ho adottato la trasparenza come punto di partenza onde ottenere effetti ottici attraverso l'affiancamento di figure concepite in qualità di sezioni ovvero matrici che una volta assemblate serialmente offrono una visione volumetrica indipendente. Gli effetti ottici talvolta sono ampliati dalla presenza di sagome in metallo lucido che riflettono altre superfici e contribuiscono ad arricchire il linguaggio basato sul movimento e le forme incostanti. Questo processo considera il carattere interattivo del linguaggio grazie alla partecipazione dell'osservatore esterno. Nella collana Monna Lisa ho sperimentato lo stesso processo partendo dalla fine, ovvero sezionando e assemblando una cornice di legno dorata .
E’ dal periodo del lockdown per la pandemia che ho introdotto l’elemento concettuale in questo processo formale secondo un proprio bisogno di comunicare le mie osservazioni su certi argomenti. Un esempio sono le spille "Abbiamo tutto, non abbiamo nulla" , "Non siamo soli", "Fermento". La collezione Infinite Homes, benché in apparenza potrebbe sembrare lontana dai fattori che definiscono le ricerche Transparencia e Kinetci Paper, comprende in essa gli stessi principi quali stabilità e mutamento, ovvero incostanza. Nella collezione Infinite Homes l'uso delle planimetrie sottolinea la stabilità di un valore che va oltre un luogo fisico: il nido. Sulle superfici, gli elementi possono essere mutevoli o raccontare una storia che evolve. A volte anche il perimetro della pianta diventa un chiaro riferimento ad un oggetto lasciando la dimensione piatta per raggiungere la tridimensionalità come nella spilla Virdarama.
“Following the red dot" è ancora una volta una ricerca formale dove gli effetti ottici sono alla base. L'uso della trasparenza cede la scena al nero e al bianco esplorando in maniera sofisticata altri effetti già sperimentati nella collezione Kinetic Paper.

 

 

Fermento
Spilla | plexiglass
Ave del Paraiso
Collana | Kinetic Paper, cartone pressato
Where are you boy?
Spilla | Argento e pepita d'oro
Ovo - collezione Transparencia,
Collana | plexiglass e bronzo dorato
Butterfly - coll. Following the red dot
Spilla | plexiglass, corallo
Monna Lisa Encantada
Collana | cornice di legno e foglie d'oro

La terza edizione di VONMO STUDIO 2022, il progetto della mostra del gioiello contemporaneo “Purifying The Soul” curato da Felicia Li, ha attratto la pubblica attenzione fin dal suo primo lancio il 4 ottobre 2021. 220 artisti da 38 paesi hanno fatto pervenire entro il 10 giugno 2022 i loro “oggetti dell’anima”. Dopo la selezione effettuata in maniera professionale e imparziale da parte dei sei artisti della nostra giuria internazionale – Catarina Silva (Portogallo), Hongxia Wang (Danimarca), Kim Buick (Danimarca), Maria Rosa Franzin (Italia), Wang Kezhen (Cina) e Zhao Yi (Cina) – sono stati scelti 63 lavori per la mostra di Qinghai.

Dal 31 dicembre 2022 al 2 gennaio 2023, il team di VONMO Studio ha effettuato performance art e fotografia sul Lago ghiacciato di Qinghai. Sul Lago Qinghai ghiacciato dopo la nevicata, è stata sgomberata un’area di 50 x 4 metri dove i curatori hanno trasportato sul loro corpo 66 “oggetti dell’anima” di 66 artisti (inclusi lavori selezionati e della giuria), mostrandoli a cielo e terra con grande rispetto e permettendo alle voci degli artisti di echeggiare sopra il Lago Qinghai.

Dopo le difficoltà che l’umanità hanno attraversato, siamo di nuovo giunti ad un punto di svolta. Ora siamo di nuovo in città a Pechino, per offrire una mostra offline, esibendo ancora più opere di gioiello (112 creazioni di 112 artisti da tutto il mondo), fornendo ai visitatori la possibilità di avere una visione ravvicinata e una comprensione dell’unicità di ciascuna opera: le prospettive di ogni artista sull’anima e il mondo, i loro valori e le loro credenze, insieme con le loro squisite tecniche di lavoro. Questa volta non ci limiteremo a discutere superficialmente cosa è il gioiello contemporaneo, i confini fra il gioiello e il corpo, o aspetti tecnici, ma speriamo che la nostra performance renderà le persone capaci di comprendere, oltre la vita e la morte, che le anime possono raggiungere un più alto livello di “intenso amore”, e queste anime stanno rispondendo ora.

A seguire i gioielli degli autori di AGC selezionati per il progetto e per questa mostra che si terrà presso le sale del LANNG SPACE a Pechino dal 22 al 26 febbraio:

 

Maura Biamonti

Maria Rosa Franzin

Stefano Fronza

Ariel Lavian

Letizia Maggio

Sogand Nobahar

 

  

per approfondire clicca qui

 

 

 

 

Lunedì, 16 Gennaio 2023 07:28

Incontri in AGC: eventi

Dopo un primo incontro interlocutorio e un'interessante sessione con Mariangela Murgia e Alberto Catalano di Fluxis, in programma altri Incontri@AGC.

Il calendario proseguirà fino a giugno con le seguenti proposte:

 

giovedì 26.01.2023 h.20.30

La "cura" del curatore. Il ruolo e la qualità del curatore e l'importanza, nonché la necessità, della sua posizione critica e della sua ricerca

Incontri@Agc con Maria Rosa Franzin e Thereza Pedrosa

 

giovedì 16.03.2023 h.20.30

Sarà ve(t)ro?Storie e curiosità del vetro, grazie al lavoro dei falsari

Incontri@Agc con Caterina Zucchi

 

giovedì 23.03.2023 h.20.30
Join us!Incontri@Agc in lingua inglese e spagnola per i soci internazionali e per quelli italiani che vorranno intervenire

 

giovedì 04.05.2023 h.20.30
Gioiello e spirito del tempo. Uno sguardo personale con un po' di disincanto nel quotidiano filtrato dalla storia e dall'unicità del gioiello di ogni tempo e genere

Incontri@Agc con Maria Laura La Mantia

 

giovedì 29.06.2023 h.20.30
Nano-esplorazioni e narrazioni di superficie. Applicazioni dei fenomeni quantistici nella gioielleria contemporanea

Incontri@Agc a cura di Alice Rendon

 

Vi ricordiamo l'indirizzo mail al quale scrivere per chiarimenti, suggerimenti, proposte: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.